26 novembre 2006

Addio a un maestro

Oggi è scomparso Dave Cockrum. Aveva 63 anni.


Questo artista, di grande immaginazione e senso del design, era praticamente scomparso dalle scene nell'ultimo decennio a causa di gravi problemi di salute. Che, forse, in un paese più democratico degli Stati Uniti avrebbe potuto risolvere. Sotto la bandiera a stelle e strisce, invece, dove chi non ha i verdoni non può curarsi nemmeno un raffreddore, Cockrum è stato costretto al ricovero in un ospedale per reduci di guerra. E ad accettare l'elemosina di un gruppo di colleghi che lo hanno aiutato attraverso la pubblicazione di un bel "tribute book" benefico.

In parte mi fa rabbia leggere le dimostrazioni d'affetto nei confronti di Cockrum che, in queste ore, stanno apparendo ovunque in giro per la rete. In primis quella di Tom Brevoort. Nome di spicco di quella Marvel che, alla luce della situazione critica di Cockrum, pensò bene di... cogliere l'occasione per risolvere una questione più pressante. Quella del copyright dei nuovi X-Men.
E' con grande amarezza che penso alla fine di Dave Cockrum. E con affetto, per le grandi emozioni che mi ha regalato negli anni. A partire dalle suo storiche storie della Legione dei Super-Eroi. Il mio primo fumetto Marvel fu una storia del suo secondo ciclo di Uncanny X-Men, con la Covata.

Addio, Dave. Ti dedico un umile disegno.

Nessun commento: