28 ottobre 2006

Coperte

Digitando il mio nome su google, tra le prime due voci risulta, oltre al link a questo blog, anche un rimando apparentemente ingiustificato a un altro sito, Comics Code. Nato sulle ceneri dell'interessante webzine Rorschach, Comics Code è un progetto ormai defunto e con il quale ho avuto il piacere di collaborare nel novembre 2004, con una recensione del sorprendente Blankets di Craig Thompson. Fu uno degli stessi curatori del sito ad invitarmi a realizzare quel pezzo, dopo aver letto su un forum una serie di miei interventi a proposito dell'opera, vero e proprio "fumetto di formazione" e specchio delle emozioni di una generazione. Da lettore appassionato della vecchia webzine, della quale ancora oggi confesso di sentire la mancanza, non mi lasciai sfuggire l'occasione. Purtroppo il mio legame con quel sito è morto lì, ma chissà che prima o poi non mi capiti di ritrovare in giro per la rete qualcuno dei nomi storici di Rorschach e Comics Code.
Mi sono concesso questa piccola amarcord non solo come scusa per poter linkare un altro vecchio articolo da aggiungere agli archivi del mio blog, ma per segnalare che Blankets uscirà in allegato all'Espresso all'interno di una nuova collana antologica curata da Coconino Press. Tra gli altri titoli in uscita, a partire da sabato 4 novembre, altri fumetti di grandissimo valore come Maus di Art Spiegelman e Palestina di Joe Sacco, ma anche lavori di Mattotti, Igort, Gipi, Mazzucchelli, Clowes. Chissà che grazie a questa "Le Graphic Novel" il pubblico generalista dell'Espresso non inizi a concepire l'idea che anche dopo il neolitico siano usciti fumetti profondi e senza culturisti che si picchiano.

1 commento:

emo ha detto...

Ciao Graziano,

sono un ex-redattore/curatore di Rorschach e Comics Code.
Sono arrivato al tuo blog tramite un link su quello di Alessandro Bragalini e oltre alla piacevole sorpresa di vedere che sei anche un disegnatore, ho avuto anche quella di leggere le belle parole che hai speso per due iniziative che ricordo con enorme affetto, anche se - ormai - io ho preso altre strade (te ne puoi fare un'idea bazzicando sul mio blog).

I "reduci" di Comics Code, se ti può incuriosire/interessare, animano ora de:code (http://www.de-code.net).

Spero non prenderai la cosa come spam, dato che non ho alcun coinvolgimento nel sito, se non da lettore.