08 settembre 2006

Davide e i Golia

"No one will really be free until nerd persecution ends."
Prendo spunto da un post lasciato sul DC Forum dall'amico Andrea Voglino per aprire una piccola polemica.
In questi ultimi giorni, come ho già riportato in questo sito con un messaggio del 27 agosto, si è concretizzato il passaggio di consegne tra Play Press, vecchio licenziatario dei diritti DC Comics in Italia, e Planeta/DeAgostini. Constatate le evidenti difficoltà nel coordinare le traduzioni italiane dalla sede di Barcellona, persino la Panini ha sbeffeggiato non troppo velatamente in una newsletter alcuni obrobri nell'adattamento de "Le Avventure di Superman", la Planeta ha pensato di affidarsi al collaudato e capace staff della Magic Press, già noto ai lettori DC grazie all'ottimo lavoro svolto su Vertigo e WildStorm.
DC World/DC Forum, sito con il quale mi onoro di collaborare, è una realtà del tutto amatoriale e senza alcuna velleità professionale. Il solo scopo di questo progetto è quello di diffondere l'amore per i comics DC, che in seguito a una sfortunata storia editoriale sono relegati da sempre al ruolo di Cenerentola nell'immaginario dei lettori e degli appassionati italiani di fumetti. Grazie alla sua genuina passione, che è evidente in ognuno dei servizi che offre gratuitamente, DC World è diventato un punto di riferimento tra i DC fan nostrani e può vantare oggi un pubblico cospicuo di aficionados.
Vien da sè, quindi, che una realtà come DC World/DC Forum voglia proporsi come piattaforma di incontro tra il nuovo licenziatario e i lettori, oltre che come vetrina dei futuri prodotti con marchio DC/Planeta.

Nel suo post Andrea Voglino, storico redattore degli albi DC di Glenat e Play Press, incoraggia lo staff di DC World a darsi da fare in ogni modo per stabilire un contatto con i professionisti della Planeta e della Magic. All'atto pratico, purtroppo, entrambe queste opzioni si sono verificate letteralmente impossibili.
La casa editrice spagnola è chiusa in un ermetismo che lascia perplessi. Non solo non ha ancora un sito italiano attivo e fruibile, nè offre possibili contatti su quello iberico, ma diffonde addirittura le proprie comunicazioni ufficiali solo per bocca del distributore Alastor.
Della Magic Press non saprei quasi cosa dire. Le mie mail a un loro redattore sono valse, nonostante la più totale cortesia e disponibilità da parte del sottoscritto, una spocchia mai vista prima, culminata con un formale "di norma non collaboriamo con i siti"... certo, gioia, come se io non ricordassi ad esempio che, tempo fa, tenevi addirittura una specie di rubrica sul forum di un sito dalla visibilità che a quanto pare ritieni più conveniente.

Sia chiaro, nessuno a DC World si aspetta certo un trattamento da diva. Anzi, tutti noi ci rendiamo conto di non essere più che fanzinari, anche se di qualità. E, per riciclare le parole del saggio Voglino, "da che mondo è mondo, di "professionisti" che guardano i "fanzinari" dall'alto in basso ce n'è a pacchi". Fattostà che la nostra E' una vetrina valida. In qualsiasi altro settore dubito che si rinuncerebbe a una simile pubblicità gratuita, ma forse sono solo troppo ingenuo.
Eppure, anche di fronte a questo scenario, DC World/DC Forum non si arrende e prosegue nel suo lavoro di "evangelizzazione". Abbiamo pesanti novità in serbo per il futuro e nel frattempo, come direbbe George W. Bush, armati di vocabolario "staneremo" la Planeta dal suo rifugio spagnolo, sperando in una maggiore volontà di cooperazione. Insomma, la buona volontà non ci manca. Ancora una volta, sarà rivincita per i nerd!

2 commenti:

Giovani Verdi ha detto...

Azz! Non bazzicando da un po' il forum, non potevo immaginare cosa si stesse muovendo...
In effetti, non essendoci molte realtà del genere, non è impensabile un serio contatto con la casa editrice. Lo snobbismo non è del tutto giustificato...

Vforvoglino ha detto...

Bravo Fabio. Dal canto mio non posso che tornare a stigmatizzare la pochezza di certi atteggiamenti. Ma non bisogna mollare: nel fumetto, come nel calcio, i tifosi restano su piazza molto più a lungo dei pedatori... ;-)