26 agosto 2006

Fai quel che ti pare! /1

A causa di una serie di disguidi avvenuti alla Malpensa, questo mese ho ricevuto in notevole ritardo la mia copia di Previews, il catalogo dei fumetti che usciranno in america fra tre mesi. Inizio così solo ora quella che vorrei diventasse una rubrica fissa di parchi consigli su quello che, secondo me, è assolutamente da ordinare... o da evitare. Naturalmente, nel caso di miniserie o arc interessanti di serie regolari, prenderò in esame solo quelli che, di volta in volta, avranno inizio sul numero corrente di Previews. Un ringraziamento speciale a Paolo D'Alessandro, che mi ha aiutato scegliere un nome per questo nuovo spazio.

PREVIEWS di Agosto 2006 (vol.XVI, #8)
- Mi tormenta che le uniche nuove proposte decenti del mese da parte della DC Comics siano pubblicate tramite la WildStorm, l'etichetta fondata da Jim Lee che di recente si è rifatta il makeup. E' stato un po' come se Macaulay Culkin entrasse nella macchina del tempo e ne uscisse di nuovo alto un metro e zerosette. Ad ottobre ci aspettano così Authority #1 e Deathblow #1 (pagg. 104 e 105), rispettivamente sceneggiati da Grant Morrison (New X-Men, JLA, Invisibles) e Brian Azzarello (100 Bullets, Superman: For Tomorrow), due dei nomi di punta del comicdom attuale.
Sono invece un po' scettico a proposito di Absolute Sandman (p.117), ristampa di lusso del capolavoro di Neil Gaiman. La serie sarà ripresentata con colori del tutto nuovi, che è la cosa che mi lascia perplesso. Non che i precedenti fossero un gran che, anzi, ma rispetto alle anteprime già diffuse della nuova edizione i vecchi appaiono molto meno scontati.
- Se io potessi comprare un solo albo Marvel ad ottobre, un vero sacrificio vista la recente qualità delle proposte della casa delle idee, sarebbe Dr. Strange: The Oath #1 (Marvel Previews, p.35). Ai testi Brian K. Vaughan (Runaways, Y: The Last Man, Ex-Machina), semplicemente lo sceneggiatore mainstream più interessante che sia emerso negli ultimi anni. Alle matite il morbido Marcos Martin (Batgirl: Year One, Breach), un artista dalla linea poetica e frizzante. Come direbbe nonno Stan: 'nuff said.
- La Checker Book sta ristampando in una serie di volumi l'opera completa extra-Little Nemo di Winsor McCay, pioniere del fumetto e dell'animazione e genio ancora oggi quasi mai superato. Ad ottobre uscirà finalmente, in un volume cartonato, la ristampa delle striscie domenicali di Dream of the Rarebit Fiend (1904/1911) di McCay (p.262). Visioni art nouveaux su un mondo di fantasie senza tempo.
- Questo mese gli amanti del genere della crime fiction si potrebbero dire già soddisfatti dall'esordio di Criminal (Marvel Previews, p.80), che grazie ai nomi di Ed Brubaker (Gotham Central, Sleeper, Daredevil) e Sean Phillips (Hellblazer) costituisce già una sicurezza. Io mi permetto di aggiungere alla cuccagna un altro titolo, che mi ispira per via della presenza di Brian Hurtt (Queen & Country, Hard Time), artista dalla sensibilità cartoon da me molto apprezzato. Si tratta di The Damned #1 (p.328) della Oni Press, gangster story con spiccata vena esoterica.
Questi sono i miei consigli. Poi, fate un po' come vi pare.

Nessun commento: